Archive | Mishmash RSS feed for this section

The Ingredients of Love

5 May

Ever wished there was a recipe for a perfect relationship? Well, it looks like Angie Stone found her own secret recipe…

Listen to Angie’s recipe and fill in the gaps with the right quantity for each ingredient.

The Ingredients of Love

Hey Musiq, yo
You think we can do this, yeah, uh
Yeah, yeah

[CHORUS]
How do we make love
And what’s it truly made of?
How do we make love
And what is it truly made of?
Oh yeah, oh yeah

Gimme an ________ of some honesty
Some innocence and a  ________ of loyalty
A  ________of some attitude
And of course a  ________of freak, yeah

At least a  ________of conversation
Some attention when it comes to relation
Two  ________ of intelligence
And a  ________of righteousness, oh

[CHORUS]

What I need is a  smidgen of strength
And a whole lot of stamina
What I want is a  ________of respect
And a damn good listener

Well, if it means anything to you
Girl, I feel the same way you do
So let’s let it marinate
For about three hundred and sixty-five days

[CHORUS]

Baby, I need to feel it’s blended to perfection
Love is splendid
In connection with old-fashion remedies
And recipes of love, oh yeah

And sugar, no matter
What the friends may be saying
I’ll be sippin’ on every drop of the main ingredient
It’s tasty love, yeah, yeah

[CHORUS x 3]

 Units of measurement

Vi sarà capitato di trovarvi all’estero e di assaggiare qualche piatto prelibato, di cui vorreste tanto conoscere la ricetta segreta. Magari  avete anche trovato il coraggio di andare dallo chef e farvi scrivere la ricetta, ma quando poi vi siete ritrovati alle prese con once e galloni avete perso ogni speranza. A me è capitato e so bene quanto è frustrante dover stare lì a risolvere equivalenze prima di poter finalmente mettersi a cucinare!

Il fatto è che sia il sistema britannico che quello americano derivano dalle antiche unità di misura inglesi, comunemente usate nei paesi del Commonwealth e dell’impero britannico. Oggi, entrambi i sistemi sono ancora utilizzati nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ma sono stati rimpiazzati dal Sistema Internazionale (SI) nella gran parte dei paesi del mondo.

Le unità di misura usate nel Regno Unito e negli USA sono per lo più coincidenti  per lunghezza, area e peso, ma presentano delle differenze per capacità, come riportato sotto:

Length

1 inch = 25,4 millimetres
1 foot = 30,48 centimetres
1 yard = 0,914 metres
1 mile = 1,609 kilometres

Weight

1 ounce = 28,35 grams
1 pound = 0,454 kilogram
1 stone = 6,356 kilograms
1 ton = 1016,04 kilograms

British capacity                     American capacity

1 pint = 0,568 litres                         1 pint = 0,473 litres
1 quart = 1,136 litres                       1 quart = 0,946 litre
1 gallon = 4,546 litres                     1 gallon = 3,785
 
Advertisements

I’ll have 830 calories, please.

22 Apr

calories at StarbucksSembra che l’allarme obesità non sia più solo un problema tipicamente Made in USA. A quanto pare gli strati di ciccia in più iniziano ad accumularsi in modo preoccupante anche sulla lattiginosa stirpe celtica, a tal punto da indurre la FSAThe Food Safety Authority – a indire una consultazione popolare sulla proposta di indicare sui menù il numero di calorie di ogni pietanza. Che incubo! Certo, è facile comprendere come il numerino 830 accanto ad un Triple Chocolate Trifle possa provocare dei ripensamenti, ma che ansia! È possibile che qualcuno che scelga di concedersi una bomba del genere non abbia una vaga idea che quello sia un piatto ipercalorico?!? Ok, magari non conosci esattamente il numero di calorie e a che percentuale del tuo fabbisogno giornaliero corrispondano, ma hai consapevolmente deciso di concederti questo peccato di gola e allora che noia sbatterti sotto al naso la cifra esatta del tuo senso di colpa. Non vorrei ragionare per stereotipi, ma questa castrazione alimentare mi sembra stonare parecchio con lo spirito di un popolo di cantastorie che ho sempre amato per la sua essenzialità, la fedeltà alle tradizioni e il disprezzo delle mode effimere. I can resist everything but temptation, diceva Oscar Wilde. Parola di un irlandese che non avrebbe mai votato a favore di una legge del genere.

The Food Safety Authority of Ireland has announced a national consultation to seek opinions on the best way of applying Minister Reilly’s request to include calories on menus at cafes and fast food outlets countrywide. The request comes as a result of several studies which indicate Ireland as having Europe’s second highest rate of obesity. The most worrying aspect of the obesity issue is its effect on children. “Heart disease, cancer, stroke and type 2 diabetes are all conditions aggravated by obesity, particularly when it occurs at younger ages,” said Dr James Reilly T.D., Minister for Health. It is easy to understand how displaying calories on menus will help consumers to make healthier and more aware choices about what they eat and encourage them to reduce their portions.

Although it may sound like an innovative initiative, calories on menus are already the norm in America and Australia, where food law ensures that big fast food outlets indicate the amount of calories in the products next to the price. Research in America found that when calorie information is shown on menus people ate 152 fewer calories in hamburger restaurants; 73 fewer calories in sandwich bars and 6% fewer calories overall.

However, unlike the USA, Ireland could find itself facing many more financial problems in adapting food businesses to this new law. Putting calories on menus won’t be an easy task: it will require technical tools to calculate nutritional content as well as professional support from nutritional experts, which may result in critical extra expenses especially for smaller businesses already finding it difficult to compete with large food outlets.

What about you? How would you like the amount of calories displayed on menus?

Naples by Anthony Bourdain

15 Mar

Gli eventi dell’ultimo periodo mi hanno fatto capire ancora più profondamente il mio legame con Napoli. È un rapporto egoista, lo so. Prendo dalla mia terra quello di cui ho bisogno, quando mi va. Poi me ne lavo le mani. Con la stessa determinazione con cui l’ho cercata e pretesa, riesco a lasciarmela alle spalle e a dimenticare le sue piaghe quando mi fa comodo. Ma è amore e non potrò mai negarlo. Per quanto dica di non poterci vivere una vita intera, non esiste altro posto che riesca a farmi vibrare in quel modo. Le sue contraddizioni sono anche le mie, i suoi fallimenti sono in parte causati anche da chi come me l’abbandona.

Così, tra tanto parlare di cucina estera, ho pensato di dedicarle un tributo a mio modo, ma per non cadere nel nostalgico e assicurare una prospettiva più oggettiva, lascio che sia uno straniero a parlare di Napoli. In questo video tratto dal programma No Reservations, lo chef e scrittore newyorkese Anthony Bourdain parte alla scoperta di Napoli, sulle tracce del red sauce trail.

Was everything clear? Take this quiz and find it out!

1.  The typical Italian ingredients in New Jersey in the 60s were

A garlic, fresh tomatoes, onion and dried basil.

B garlic, canned tomatoes, oregano and dried basil on overcooked spaghetti with meatballs.

C garlic, canned tomatoes, parmesan and meatballs.

2.  Anthony Bourdain chooses Naples to talk about the origins of Italian food in the USA

A because his parents were born in Naples.

B because according to the Italian-American collective imagination it all started in Naples.

C because the ingredients used in traditional recipes come from Naples.

 3.  The “Meatball Hero”

A derives from the fact that all of a sudden Italian immigrants couldn’t afford meat.

B doesn’t exist because Italian-American cuisine is very varied.

C can be seen as an exuberant reaction to the land of plenty.

 4.  The first thing that strikes Bourdain in Naples

A is the dialect spoken by Neapolitans.

B is the way people drive.

C is the garbage industry collapse.

 5.  Being one of the oldest cities in Italy, Naples can claim responsibility for

A organized crime.

B many iconic innovations in Italian culture.

C some of the most ancient buildings in the world.

 6.  In 2004 the Italian Ministry of Agriculture

A declared Neapolitan pizza a world heritage item.

B banned pizza Margherita from the Parliament canteen.

C laid out regulations for how a Neapolitan pizza must be made.

 7.  The most significant difference between New York style and Italian style pizza is

A the fact that people eat it with knife and fork.

B the use of fresh mozzarella instead of grated cheese.

C a thick crust.

 8.  Bourdain chooses a tiny car for his Amalfi coast drive

A because he’s comfortable with his sexuality.

B because it’s more practical on narrow roads.

C because it’s only a month since he got his driving license.

 9.  They decide to stop shooting in Cetara

A because of the pouring rain.

B because the equipment gets damaged.

C because Anthony calls it a day.

 10.  The chef from Cetara dived into the stormy sea to fish

A sea bass

B octopus

C sea urchins

1 B, 2 B, 3 C, 4 B, 5 B, 6 C, 7 A, 8 B, 9 A, 10 C

Galway Oyster Festival

15 Sep

L’estate ormai si allontana ogni giorno di più, è meglio farsene una ragione. Avete notato che la mattina vi svegliate coperti dal lenzuolo e che finalmente iniziano a diminuire su facebook le foto al mare dei vostri amici? Oggi, però, voglio mantenerne vivo il ricordo ancora un po’, dedicando questo post a uno dei simboli più succulenti dell’estate: i frutti di mare. Chiunque mi conosca un po’, è al corrente della mia dipendenza dai frutti di mare, dalle cozze in particolare. Non è solo una questione di gusto, ma una sorta di “sapore della maddalena”, come scriveva Marcel Proust: la capacità di alcuni profumi e sapori di risvegliare antichi ricordi. Così, davanti a una bella impepata di cozze, mi vengono in mente le tavolate al mare da piccola, quando ne eravamo così tanti che un solo tavolo non bastava, mia madre che ci costringeva a prendere una compressa di Bactrim prima di mangiare i frutti di mare e le gare per accaparrarsi l’ultimo mestolo…

Allora, se come me perdete la testa per i frutti di mare, correte sul sito della Ryanair e prenotate un biglietto per Galway, in Irlanda, dove dal 28 al 30 Settembre 2012 si terrà l’imperdibile Galway International Oyster & Seafood Festival.

Famous for being one of the most internationally acclaimed food festivals in Ireland, Galway International Oyster & Seafood Festival takes place every September in one of the quaintest harbours in Ireland. Throughout the festival weekend the city comes alive with concerts, cooking demonstrations, parades and many other international events to whet your appetite.

If you’re a true seafood lover, you shouldn’t miss out on the chance to taste the best seafood recipes joining the famous Seafood Trail in some of Galway city’s finest restaurants, which will be serving the freshest oysters in Galway and a wide range of local seafood prepared with creativity and flair.

Moreover, for the 2012 edition there will be one more surpise. Thanks to the association with Failte Ireland, the festival will have a very special focus on Irish food heritage this year, engaging visitors with a series of light talks called “Tales by the Sea”. Free storytelling sessions and traditional marquee events throughout the city will tell visitors the story of Galway, exploring its connection with the sea, its produce and the communities that relied on it from its founding to modern day.

Finally, for a non-stop afternoon of entertainment, don’t miss out on the Guiness World Oyster Opening Championship, a truly hilarious event featuring contestants from every continent competing for the world title and valuable prizes.

Foodspotting: for real foodies 2.0

16 Aug

Launched in January 2010, Foodspotting is foodies’ ultimate social network. It allows foodspotting appusers – oops, foodspotters! – from all over the world to share information about their favourite foods. All you have to do is take a shot of the selected food with your mobile and then submit it to the website/mobile app, adding a short description of the dish and geotagging the restaurant where you spotted it. Once a picture is posted, other users can add more info to it, for example letting others know of other locations where they tried the same dish; they can also nom foods they’ve tried and love (a function similar to Facebook like button) or flag it, by correcting imprecise info about the dish. Users who are awarded more noms get featured on the main page and get closer to the status of “food guru”.

Now, if you’re thinking this is just an app for crazy people hung up on food, you couldn’t be more wrong. Yes, you can definitely find weird stuff like Halloween pizzas, double animal burgers and pineapple bread, but you can also find excellent food spotted by experts like the Travel Channel and Zagat. Let’s have a closer look at some of the things you can do with Foodspotting:

  • Create a guide: guides are the easiest way to share a list of foods and drinks you recommend. By creating a location-based guide, your recommendations will be instantly mapped and accessible via mobile. So, whether you’re looking for a selection of vegetarian restaurants on the Gold Coast, Australia, or healthy places around LA, or you just want to have a look at the weirdest menus from around the world, you simply have to shuffle through other foodspotters’ lists.
  • Meet new people: are you looking for somebody to share your passion for fine dining with? Foodspotting is the place for you! In its huge community you can find foodies from all over the world, from a “giddy gastronaut and globetrotter” (J. Roncelli from California) to Moriza from New York who claims that “bread is for birds and beer is for bears”.
  • Set your location: search by type of food, place or person and ask Foodspotting community to help you eat your way through wherever you are.
  • Blog: take a look at the constantly updated blog and find out about the best deals in your area or the latest trends in pasta making.

Is it too good to be true? Hold on, there’s even more coming! If you’re hungry for work at the moment and not just for food, you’ll be glad to know that Foodspotting is hiring. It’s a small team (currently eight people) but they offer competitive salaries, company-paid healthcare, paid holidays, flexible hours and plenty of opportunities to eat tasty food. They’re looking for people to work in their industrial loft in San Francisco’s SOMA area, but should you prove to be an amazing fit for this role, they would also consider relocation opportunities. You can apply via LinkedIn or email links to applications you’ve worked on to jobs@foodspotting.com . Good luck!

Il calendario dell’azienda italiana

6 Jul

Sono giorni di torrida irrequietezza, che mettono a dura prova il sistema nervoso. Non è facile vivere in un paese che arranca, trascinato da poche persone volenterose che portano sulle spalle il peso di grassi e avidi criminali che hanno costruito le loro fortune sulla corruzione e la furbizia. Eppure le forze ci sono, i talenti non mancano. Li vedo ogni giorno, parliamo, ci confrontiamo, cerchiamo di trovare insieme un modo per reagire all’inerzia di un paese vecchio e arrugginito. Ma poi arriva l’afa, quell’alito putrefatto di chi crede di avere il coltello dalla parte del manico, di chi non ha ancora capito che i tempi della divisione in caste sono finiti: oggi siamo tutti sulla stessa barca – imprenditori, neolaureati, disoccupati, esodati e direttori – e se non ci decidiamo a collaborare e a costruire insieme il paese, il naufragio sarà assicurato. E allora sali a bordo, cazzo!

Stamattina riflettevo sul modo tutto italiano in cui le aziende gestiscono i colloqui di lavoro, i rinnovi dei contratti, e in generale qualsiasi proposta di cambiamento/innovazione capace di far vacillare sistemi di pensiero calcificati. Il tempo nelle aziende italiane segue variabili che sfuggono alle leggi della fisica, giorni si trasformano in settimane, mesi, anni di paralisi. Sarà la paura del cambiamento, la mancanza di coraggio, il budget ridotto, non lo so, ma so che l’inerzia deve finire il prima possibile se non vogliamo che quegli ultimi talenti rimasti fuggano via.

IL CALENDARIO DELL’AZIENDA ITALIANA

Gennaio: ci stiamo ancora riprendendo dalle abbuffate natalizie e dalla delusione di aver ricevuto candele profumate come regalo. Scusa.

Febbraio: è vero avevo detto che ti rinnovavo il contratto, ma è Carnevale e ogni scherzo vale!

Marzo: “Marzo è pazzo”, dice il proverbio, e io sono un tradizionalista.

Aprile: mi dispiace, ma tra Via Crucis e pastiere proprio non abbiamo tempo.

Maggio: stiamo concordando le ferie estive, è un momento delicato, ci risentiamo tra un paio di gg.

Giugno: eravamo in dubbio se rinnovarti il contratto o farci l’aria condizionata in ufficio. L’unanimità ha risposto: “Anto’, fa caldo!”

Luglio: Ma tu non vai mai in vacanza?!?!

Agosto: Stai scherzando, vero?

Settembre: Scusa, ma siamo troppo presi dal caricare le foto delle vacanze su facebook, ci riaggiorniamo.

Ottobre: Tempo di bilancio… è inutile che ti nascondi, freelancer, tanto ti ho visto.

Novembre: Le foglie morte mi rendono triste. Per favore, lasciatemi solo…

Dicembre: Oggi? Impossibile, devo andare a comprare i regali. Ne riparliamo a gennaio.

Taste of London 2012

29 May

Se dopo tutto questo parlare di cucina estera, siete ancora convinti che “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio”, allora dovreste seriamente considerare di fare un salto a Londra dal 21 al 24 giugno 2012. Sul modello della rassegna gastronomica che si è svolta a Milano la settimana scorsa, sta per avere inizio a Londra il Taste of London 2012: degustazioni all’aperto, seminari gratuiti e gare tra chef di fama internazionale che si daranno battaglia per sorprendere i palati più esigenti con ricette mai sperimentate prima!

Londra affila i coltelli e si prepara alle olimpiadi… del gusto!

With the most international range of food and drink events that span 12 cities around the world, Taste Festivals have become the most respected event for the food, wine and restaurant industry, and one of the most relevant fixtures on the foodie calendar for informed consumers.
From June 21-24, fine dining will be transported to Regent’s Park with Taste of London for four days of summer eating, drinking and entertainment. 40 of the city’s best restaurants will dish up their finest in an unbeatable gourmet feast, while 200 producers will provide a bounty of the most delicious food and beverages, so that guests may sample and shop for a range of produce in the laid-back atmosphere of Regent’s Park.

Taste of London’s international atmosphere will be even more emphasized this summer as five of the world’s most talented chefs are going to serve up an exclusive dining experience for a limited number of guests. Each chef will introduce their individual course in person and a top sommelier will pair every dish with the very finest wines.

  Superlatives

Come risaputo, la forma superlativa degli aggettivi si usa per paragonare due o più elementi all’interno di una categoria. Come regola generale, il superlativo in inglese si forma aggiungendo il suffisso -est agli aggettivi monosillabici oppure usando la perifrasi the most con gli aggettivi polisillabici.

Taste Festivals have become one of the most relevant fixtures for foodies.

40 of the city’s best restaurants will dish up their finest in an unbeatable gourmet feast.

Ma cosa succede con gli aggettivi bisillabi oppure con quelli che terminano in -y o -e? Ecco una tabella che riassume i casi più comuni:

Tipo di aggettivo

Superlativo

Monosillabico

+ -est (the tallest, the smartest, the coolest, ecc.)

Monosillabico che termina in -e

+ -st (the finest, the bravest, the widest, ecc.)

Monosillabico che termina per consonante preceduta da una vocale

raddoppia la consonante + -est (the hottest, the fattest, ecc.)

Bisillabo che termina in -y

ì + -est (the happiest, the prettiest, the funniest, ecc.)

Polisillabico

the most (the most interesting, the most careful, ecc.)

Già così sarebbe sufficiente, vero? Ma a complicare il tutto arrivano come sempre le forme irregolari!

Forma base

Superlativo

good the best
bad the worst
little the least
much the most
far the farthest/the furthest

Tattooed bananas

19 May

Manca ormai poco all’inizio della finale di Champions e sento uno strano fermento nell’aria. Non che mi importi di calcio, intendiamoci. È solo che riconosco i segnali nell’ambiente circostante. Lattine di birra disseminate qua e là, un pacchetto di patatine al bacon, manovre ingegneristiche per assicurarsi che l’antenna non venga meno sul più bello e una massiccia occupazione del divano come a dire “stasera questo è il mio castello”.

So che tra poco inizieranno gli urletti eccitati, le frasi di incitamento e gli spergiuri infuocati contro qualche ragazzo in pantaloncini. Adesso si è aggiunto anche il rumore di un martello che picchia nell’appartamento al piano di sopra: non escluderei che anche lì si stia svolgendo qualche rituale pre-Champions.

E allora, prima che lo spettacolo abbia inizio, meglio provare ad evadere cercando rifugio in qualcosa di surreale. Cosa c’è di meglio delle banane tatuate per alienarsi dalla finale di Champions?

The American artist Phil Hansen – already known for his multimedia works of art – has been creating a buzz lately with his tattooed bananas. Using banana skins as canvases, Hansen reproduces some of art history’s most famous masterpieces simply by using a pushpin. Then the magic takes place! As the banana naturally turns brown, his work of art appears under our mesmerized eyes! Now, that’s cool! An effective example of what Hansen calls “everyday creativity”: creativity that stays with you all the time, that takes you from the ordinary to the unknown by fusing together different processes to create unexpected outcomes.

You can find more about his technique, projects and mission in his book due out next month, Tattoo a Banana: And Other Ways to Turn Anything and Everything Into Art.

Now, I bet you’re thinking about that single banana left in the fruit bowl on your kitchen table, aren’t you?

Foodie

13 May

By the way: mi sa che è arrivato il momento di spiegare il significato di foodienglish. Ogni volta che mi chiedono come diavolo si chiama questo blog, la tipica reazione è: “ah, come Food e English”. In realtà, no. Ma inizio a credere che la scelta sia stata troppo criptica. La parola esatta è FOODIE,uno di quei neologismi della lingua inglese sul quale il mondo anglofono si spacca a metà. C’è chi lo considera un ridicolo vezzeggiativo da evitare a ogni costo e chi lo adora perchè è pratico, efficace e grazioso!

Urban dictionary – un dizionario online dedicato ai neologismi e allo slang in lingua inglese – è la fonte ideale per scoprire le sfumature di significato e le connotazioni più esilaranti di questa parola. Ecco un esempio:

A proletarian or member of the middle class who occasionally eats quality food, often of the type enjoyed by the higher classes but sometimes “exotic” food of foreign lands. What the foodie calls “gourmet,” the upper class or upper middle class will simply call “food.” Foodies often enjoy displaying their knowledge of food, which they must acquire since they must prepare it themselves, not having the financial means to regularly have others prepare it for them.

Non è una delle definizioni più efficaci che abbiate mai letto? E se questo non fosse bastato a convincervi dell’utilità di Urban Dictionary, sappiate che non esiste modo migliore per scoprire che l’80% delle parole inglesi hanno una possibile connotazione sessuale. Parola della community di Urban Dictionary!

Keep calm and continue blogging!

13 May

Mi sono assentata un po’ ultimamente, chissà se qualcuno ha sentito la mancanza dei miei post… Senza scivolare nel vittimismo, diciamo che mi sono capitate un po’ di sventure che hanno messo KO per un po’ la mia vita digitale (e anche quella offline entro certi limiti…). Ma sono tornata! Le idee – almeno quelle – non possono rubartele!