Tag Archives: cucina estera

I’ll have 830 calories, please.

22 Apr

calories at StarbucksSembra che l’allarme obesità non sia più solo un problema tipicamente Made in USA. A quanto pare gli strati di ciccia in più iniziano ad accumularsi in modo preoccupante anche sulla lattiginosa stirpe celtica, a tal punto da indurre la FSAThe Food Safety Authority – a indire una consultazione popolare sulla proposta di indicare sui menù il numero di calorie di ogni pietanza. Che incubo! Certo, è facile comprendere come il numerino 830 accanto ad un Triple Chocolate Trifle possa provocare dei ripensamenti, ma che ansia! È possibile che qualcuno che scelga di concedersi una bomba del genere non abbia una vaga idea che quello sia un piatto ipercalorico?!? Ok, magari non conosci esattamente il numero di calorie e a che percentuale del tuo fabbisogno giornaliero corrispondano, ma hai consapevolmente deciso di concederti questo peccato di gola e allora che noia sbatterti sotto al naso la cifra esatta del tuo senso di colpa. Non vorrei ragionare per stereotipi, ma questa castrazione alimentare mi sembra stonare parecchio con lo spirito di un popolo di cantastorie che ho sempre amato per la sua essenzialità, la fedeltà alle tradizioni e il disprezzo delle mode effimere. I can resist everything but temptation, diceva Oscar Wilde. Parola di un irlandese che non avrebbe mai votato a favore di una legge del genere.

The Food Safety Authority of Ireland has announced a national consultation to seek opinions on the best way of applying Minister Reilly’s request to include calories on menus at cafes and fast food outlets countrywide. The request comes as a result of several studies which indicate Ireland as having Europe’s second highest rate of obesity. The most worrying aspect of the obesity issue is its effect on children. “Heart disease, cancer, stroke and type 2 diabetes are all conditions aggravated by obesity, particularly when it occurs at younger ages,” said Dr James Reilly T.D., Minister for Health. It is easy to understand how displaying calories on menus will help consumers to make healthier and more aware choices about what they eat and encourage them to reduce their portions.

Although it may sound like an innovative initiative, calories on menus are already the norm in America and Australia, where food law ensures that big fast food outlets indicate the amount of calories in the products next to the price. Research in America found that when calorie information is shown on menus people ate 152 fewer calories in hamburger restaurants; 73 fewer calories in sandwich bars and 6% fewer calories overall.

However, unlike the USA, Ireland could find itself facing many more financial problems in adapting food businesses to this new law. Putting calories on menus won’t be an easy task: it will require technical tools to calculate nutritional content as well as professional support from nutritional experts, which may result in critical extra expenses especially for smaller businesses already finding it difficult to compete with large food outlets.

What about you? How would you like the amount of calories displayed on menus?

Advertisements

Naples by Anthony Bourdain

15 Mar

Gli eventi dell’ultimo periodo mi hanno fatto capire ancora più profondamente il mio legame con Napoli. È un rapporto egoista, lo so. Prendo dalla mia terra quello di cui ho bisogno, quando mi va. Poi me ne lavo le mani. Con la stessa determinazione con cui l’ho cercata e pretesa, riesco a lasciarmela alle spalle e a dimenticare le sue piaghe quando mi fa comodo. Ma è amore e non potrò mai negarlo. Per quanto dica di non poterci vivere una vita intera, non esiste altro posto che riesca a farmi vibrare in quel modo. Le sue contraddizioni sono anche le mie, i suoi fallimenti sono in parte causati anche da chi come me l’abbandona.

Così, tra tanto parlare di cucina estera, ho pensato di dedicarle un tributo a mio modo, ma per non cadere nel nostalgico e assicurare una prospettiva più oggettiva, lascio che sia uno straniero a parlare di Napoli. In questo video tratto dal programma No Reservations, lo chef e scrittore newyorkese Anthony Bourdain parte alla scoperta di Napoli, sulle tracce del red sauce trail.

Was everything clear? Take this quiz and find it out!

1.  The typical Italian ingredients in New Jersey in the 60s were

A garlic, fresh tomatoes, onion and dried basil.

B garlic, canned tomatoes, oregano and dried basil on overcooked spaghetti with meatballs.

C garlic, canned tomatoes, parmesan and meatballs.

2.  Anthony Bourdain chooses Naples to talk about the origins of Italian food in the USA

A because his parents were born in Naples.

B because according to the Italian-American collective imagination it all started in Naples.

C because the ingredients used in traditional recipes come from Naples.

 3.  The “Meatball Hero”

A derives from the fact that all of a sudden Italian immigrants couldn’t afford meat.

B doesn’t exist because Italian-American cuisine is very varied.

C can be seen as an exuberant reaction to the land of plenty.

 4.  The first thing that strikes Bourdain in Naples

A is the dialect spoken by Neapolitans.

B is the way people drive.

C is the garbage industry collapse.

 5.  Being one of the oldest cities in Italy, Naples can claim responsibility for

A organized crime.

B many iconic innovations in Italian culture.

C some of the most ancient buildings in the world.

 6.  In 2004 the Italian Ministry of Agriculture

A declared Neapolitan pizza a world heritage item.

B banned pizza Margherita from the Parliament canteen.

C laid out regulations for how a Neapolitan pizza must be made.

 7.  The most significant difference between New York style and Italian style pizza is

A the fact that people eat it with knife and fork.

B the use of fresh mozzarella instead of grated cheese.

C a thick crust.

 8.  Bourdain chooses a tiny car for his Amalfi coast drive

A because he’s comfortable with his sexuality.

B because it’s more practical on narrow roads.

C because it’s only a month since he got his driving license.

 9.  They decide to stop shooting in Cetara

A because of the pouring rain.

B because the equipment gets damaged.

C because Anthony calls it a day.

 10.  The chef from Cetara dived into the stormy sea to fish

A sea bass

B octopus

C sea urchins

1 B, 2 B, 3 C, 4 B, 5 B, 6 C, 7 A, 8 B, 9 A, 10 C

Taste of London 2012

29 May

Se dopo tutto questo parlare di cucina estera, siete ancora convinti che “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio”, allora dovreste seriamente considerare di fare un salto a Londra dal 21 al 24 giugno 2012. Sul modello della rassegna gastronomica che si è svolta a Milano la settimana scorsa, sta per avere inizio a Londra il Taste of London 2012: degustazioni all’aperto, seminari gratuiti e gare tra chef di fama internazionale che si daranno battaglia per sorprendere i palati più esigenti con ricette mai sperimentate prima!

Londra affila i coltelli e si prepara alle olimpiadi… del gusto!

With the most international range of food and drink events that span 12 cities around the world, Taste Festivals have become the most respected event for the food, wine and restaurant industry, and one of the most relevant fixtures on the foodie calendar for informed consumers.
From June 21-24, fine dining will be transported to Regent’s Park with Taste of London for four days of summer eating, drinking and entertainment. 40 of the city’s best restaurants will dish up their finest in an unbeatable gourmet feast, while 200 producers will provide a bounty of the most delicious food and beverages, so that guests may sample and shop for a range of produce in the laid-back atmosphere of Regent’s Park.

Taste of London’s international atmosphere will be even more emphasized this summer as five of the world’s most talented chefs are going to serve up an exclusive dining experience for a limited number of guests. Each chef will introduce their individual course in person and a top sommelier will pair every dish with the very finest wines.

  Superlatives

Come risaputo, la forma superlativa degli aggettivi si usa per paragonare due o più elementi all’interno di una categoria. Come regola generale, il superlativo in inglese si forma aggiungendo il suffisso -est agli aggettivi monosillabici oppure usando la perifrasi the most con gli aggettivi polisillabici.

Taste Festivals have become one of the most relevant fixtures for foodies.

40 of the city’s best restaurants will dish up their finest in an unbeatable gourmet feast.

Ma cosa succede con gli aggettivi bisillabi oppure con quelli che terminano in -y o -e? Ecco una tabella che riassume i casi più comuni:

Tipo di aggettivo

Superlativo

Monosillabico

+ -est (the tallest, the smartest, the coolest, ecc.)

Monosillabico che termina in -e

+ -st (the finest, the bravest, the widest, ecc.)

Monosillabico che termina per consonante preceduta da una vocale

raddoppia la consonante + -est (the hottest, the fattest, ecc.)

Bisillabo che termina in -y

ì + -est (the happiest, the prettiest, the funniest, ecc.)

Polisillabico

the most (the most interesting, the most careful, ecc.)

Già così sarebbe sufficiente, vero? Ma a complicare il tutto arrivano come sempre le forme irregolari!

Forma base

Superlativo

good the best
bad the worst
little the least
much the most
far the farthest/the furthest

Banana bread

10 Mar

Ingredients (for a big loaf)

  • 60 gr of walnuts
  • 60 gr of butter or margarine
  • 2 eggs

Grease a loaf pan or line it with greaseproof paper. Mix flour, sugar and baking powder in a big bowl. Cut the butter into small pieces and rub into flour mixture. In a separate bowl, mash the bananas and add in the eggs. Then combine with flour kneading gently so that no lumps are formed. Finally add in the chopped walnuts and stir through (you may need to add some extra flour if the mixture is too wet). Pour the batter into a loaf pan and bake at 180°C for about 30 minutes or util a toothpick inserted comes out clean.

A big thank you to Phil who made me change my mind about bananas! 🙂

  Idioms

Cosa sarebbe una lingua senza idioms? Senza quelle espressioni idiomatiche che confondono tanto chi è alle prime armi? Forse una lingua più semplice, ma sicuramente priva di quel colore che la rende unica. Gli idioms sono delle espressioni che hanno un significato figurato e quindi non vanno mai tradotte alla lettera. Sono usate di frequente nel parlato e in generale in contesti informali, ne esistono di più arcaiche e di più recenti, ma quello che è certo è che ogni lingua ne produce di nuove in continuazione!

Bananas and nuts sono gli ingredienti principali di questa ricetta, ma anche la causa di errori grossolani e confusione quando si tratta di idioms. Ecco qualche esempio:

When I realised someone had stolen my bike I went bananas!

Non vuol dire che mi sono consolato del furto della bici mangiando una banana, ma che sono andato su tutte le furie. E’ un composto del verbo go, quindi bisogna ricordare le forme irregolari per il Past simple e il Past participle (go bananas – went bananas – gone bananas).

What about nuts? Buone da mangiare, ma anche da far perdere la testa! Ecco qualche esempio:

I’m absolutely nuts about this new recipe = I’m enthusiastic about it, I love it.

Ma un idiom simile può essere usato anche per espreimere un sentimento negativo, rabbia e insofferenza. Ad esempio:

Turn down the TV! It’s driving me nuts! = I can’t stand it, I hate it.

Un po’ confusi? Ed è appena l’inizio! Sì, perchè la lingua inglese è ricchissima di idioms e ancor più di quelli basati su cibi e bevande. Ad esempio?

She is the apple of my eye, I love her. (la luce dei miei occhi)

You spend your life in front of the TV, you’re a real couch potato! (sei un pigrone)

Those guys are the cream of the crop, I’m sure they’ll get a job in no time. (i migliori di un gruppo)

How can you be as cool as a cucumber with all that’s going on? (rimanere impassibile)

Their new CD is selling like hotcakes. (andare alla grande, vendere molto)

This test was a piece of cake. I finished it all in 15 minutes. (un gioco da ragazzi)

Musicals are not my cup of tea, I can’t stand people singing and dancing all the time! (la mia passione)

La lista sarebbe lunga: that was idioms in a nutshell! (in poche parole)

Non è come pensi…

7 Mar

Esatto, non è come pensi: questo non è l’ennesimo blog che parla di cibo di cui è pieno il web. Come molti altri cool ideasblogger – o aspiranti tali – ho cercato di rispondere con onestà alla domanda cruciale: “qual è il mio messaggio? ho davvero qualcosa di così unico e interessante da giustificare l’esistenza di un blog?” Ma quando si arriva a parlare di unicità, le definizioni non bastano. Forse la buona fede conta molto di più della pretesa di essere unici. Quindi lascerò agli altri il verdetto e mi limiterò a dire che questo blog aspira ad essere una guida spensierata per tutti quelli che desiderano imparare la lingua inglese attraverso l’universo del cibo e delle bevande.

Ricette, ingredienti, video e tecniche di cucina saranno gli strumenti per imparare o approfondire alcuni aspetti della lingua inglese… e magari per ampliare un po’ i propri orizzonti e imparare a fidarsi della cucina estera. Sì, perchè forse è arrivato il momento di dirlo, la cucina italiana è ricca e gustosa, ma è in buona compagnia nel mondo. Italians don’t always do it better!