Tag Archives: Ireland

I’ll have 830 calories, please.

22 Apr

calories at StarbucksSembra che l’allarme obesità non sia più solo un problema tipicamente Made in USA. A quanto pare gli strati di ciccia in più iniziano ad accumularsi in modo preoccupante anche sulla lattiginosa stirpe celtica, a tal punto da indurre la FSAThe Food Safety Authority – a indire una consultazione popolare sulla proposta di indicare sui menù il numero di calorie di ogni pietanza. Che incubo! Certo, è facile comprendere come il numerino 830 accanto ad un Triple Chocolate Trifle possa provocare dei ripensamenti, ma che ansia! È possibile che qualcuno che scelga di concedersi una bomba del genere non abbia una vaga idea che quello sia un piatto ipercalorico?!? Ok, magari non conosci esattamente il numero di calorie e a che percentuale del tuo fabbisogno giornaliero corrispondano, ma hai consapevolmente deciso di concederti questo peccato di gola e allora che noia sbatterti sotto al naso la cifra esatta del tuo senso di colpa. Non vorrei ragionare per stereotipi, ma questa castrazione alimentare mi sembra stonare parecchio con lo spirito di un popolo di cantastorie che ho sempre amato per la sua essenzialità, la fedeltà alle tradizioni e il disprezzo delle mode effimere. I can resist everything but temptation, diceva Oscar Wilde. Parola di un irlandese che non avrebbe mai votato a favore di una legge del genere.

The Food Safety Authority of Ireland has announced a national consultation to seek opinions on the best way of applying Minister Reilly’s request to include calories on menus at cafes and fast food outlets countrywide. The request comes as a result of several studies which indicate Ireland as having Europe’s second highest rate of obesity. The most worrying aspect of the obesity issue is its effect on children. “Heart disease, cancer, stroke and type 2 diabetes are all conditions aggravated by obesity, particularly when it occurs at younger ages,” said Dr James Reilly T.D., Minister for Health. It is easy to understand how displaying calories on menus will help consumers to make healthier and more aware choices about what they eat and encourage them to reduce their portions.

Although it may sound like an innovative initiative, calories on menus are already the norm in America and Australia, where food law ensures that big fast food outlets indicate the amount of calories in the products next to the price. Research in America found that when calorie information is shown on menus people ate 152 fewer calories in hamburger restaurants; 73 fewer calories in sandwich bars and 6% fewer calories overall.

However, unlike the USA, Ireland could find itself facing many more financial problems in adapting food businesses to this new law. Putting calories on menus won’t be an easy task: it will require technical tools to calculate nutritional content as well as professional support from nutritional experts, which may result in critical extra expenses especially for smaller businesses already finding it difficult to compete with large food outlets.

What about you? How would you like the amount of calories displayed on menus?

Galway Oyster Festival

15 Sep

L’estate ormai si allontana ogni giorno di più, è meglio farsene una ragione. Avete notato che la mattina vi svegliate coperti dal lenzuolo e che finalmente iniziano a diminuire su facebook le foto al mare dei vostri amici? Oggi, però, voglio mantenerne vivo il ricordo ancora un po’, dedicando questo post a uno dei simboli più succulenti dell’estate: i frutti di mare. Chiunque mi conosca un po’, è al corrente della mia dipendenza dai frutti di mare, dalle cozze in particolare. Non è solo una questione di gusto, ma una sorta di “sapore della maddalena”, come scriveva Marcel Proust: la capacità di alcuni profumi e sapori di risvegliare antichi ricordi. Così, davanti a una bella impepata di cozze, mi vengono in mente le tavolate al mare da piccola, quando ne eravamo così tanti che un solo tavolo non bastava, mia madre che ci costringeva a prendere una compressa di Bactrim prima di mangiare i frutti di mare e le gare per accaparrarsi l’ultimo mestolo…

Allora, se come me perdete la testa per i frutti di mare, correte sul sito della Ryanair e prenotate un biglietto per Galway, in Irlanda, dove dal 28 al 30 Settembre 2012 si terrà l’imperdibile Galway International Oyster & Seafood Festival.

Famous for being one of the most internationally acclaimed food festivals in Ireland, Galway International Oyster & Seafood Festival takes place every September in one of the quaintest harbours in Ireland. Throughout the festival weekend the city comes alive with concerts, cooking demonstrations, parades and many other international events to whet your appetite.

If you’re a true seafood lover, you shouldn’t miss out on the chance to taste the best seafood recipes joining the famous Seafood Trail in some of Galway city’s finest restaurants, which will be serving the freshest oysters in Galway and a wide range of local seafood prepared with creativity and flair.

Moreover, for the 2012 edition there will be one more surpise. Thanks to the association with Failte Ireland, the festival will have a very special focus on Irish food heritage this year, engaging visitors with a series of light talks called “Tales by the Sea”. Free storytelling sessions and traditional marquee events throughout the city will tell visitors the story of Galway, exploring its connection with the sea, its produce and the communities that relied on it from its founding to modern day.

Finally, for a non-stop afternoon of entertainment, don’t miss out on the Guiness World Oyster Opening Championship, a truly hilarious event featuring contestants from every continent competing for the world title and valuable prizes.

Guinness QR Code Glass

23 May

Guinness QR code Cup

Hats off to Guinness! In realtà i motivi per togliersi il cappello davanti a sua maestà Guinness sono svariati… Qualche esempio: il colore ambrato intenso. Quel bel tappo di schiuma color crema nel quale gli spillatori più abili riescono ad incidere la forma di un quadrifoglio. Quel gusto fresco e amarognolo, senza note di bacche o altri fronzoli da femminucce. Quella tempesta che si scatena nella pinta sotto i tuoi occhi impazienti di mandarla giù.

Adesso gli appassionati di social media avranno un motivo in più per ammirare la Guinness, dopo la trovata geniale di stampare un QR code bianco sulla pinta, visibile solo a contrasto con l’inconfondibile Irish stout! It’s always time for… sharing! Cheers!

In order to become more relevant and get talked about in bars, Guinness created QR code glasses spackled with white squares and distributed them in bars all around the world. Just fill the glass with Guinness and it’ll reveal a QR code. The clever thing is that if you fill the glass up with a lager from one of their competitors the QR Code won’t scan because the beer isn’t dark enough to activate it! Same story for an empty glass: when the pint glass is empty, the QR code is unreadable.

As soon as you scan the code with your smart phone, it’ll tweet about your pint, update your facebook status and check you in via 4square. You can also use it to download coupons and promotions and invite your friends to join you.

What are you waiting for? Get a Guinness and turn your pint into a dynamic social media experience!

  Zero/First Conditional

Così come accade in italiano, il periodo ipotetico – conditional – si usa in inglese per esprimere la possibilità che una condizione si verifichi. I periodi ipotetici sono sempre formati da due parti: una introdotta da if / when / as soon as che indica la condizione e l’altra che esprime la conseguenza. Tuttavia, diversamente dall’italiano, in inglese abbiamo quattro periodi ipotetici: Zero, First, Second e Third Conditional. Oggi diamo un’occhiata ai primi due.

Lo Zero Conditional in realtà è un “finto” periodo ipotetico, nel senso che esprime un evento reale più che una possibilità. Si usa, quindi, per parlare di situazioni universali o di condizioni abituali. In quanto tale, si costruisce usando il tempo della certazza, il Present Simple:

When the pint glass is empty, the QR code is unreadable.

If you freeze water, it becomes ice.

 

Il First Conditional esprime invece una possibilità reale che qualcosa accada, ovvero il livello di probabilità è estremamente alto. Si costruisce usando il Present Simple dopo if /when / as soon as e il Future Simple nella parte della frase che indica la coseguenza, il risultato dell’ipotesi:

As soon as you scan the code, it’ll tweet about your pint.

If you fill the glass up with a lager from one of their competitors, the QR Code won’t scan.

 
Sembra facile, ma è uno degli errori più comuni per noi italiani, dato che spesso usiamo il futuro anche nella parte introdotta da if /when / as soon as. If you think in Italian, you’ll make a lot of mistakes!
 

Shepherd’s Pie

9 Mar

                                                                                                                                                                                  

Ingredients (4-6 people)                                                                                                                                              

  • 2 tablespoons of olive oil
  • 1 teaspoon of black peppershepherd's pie
  • ½ kg of ground beef or lamb
  • 1 large onion, finely diced
  • 3-4 large carrots, finely diced
  • 1 cup of peas
  • 3-4 sprigs of fresh thyme, finely chopped
  • 1 tablespoon of flour
  • 1 tablespoon of butter
  • 1 glass of red wine
  • 5 tablespoons of tomato sauce
  • 2 tablespoons of Worcestershire sauce
  • 1 cup of stock
  • ½ kg of mashed potatoes (fresh or leftover)

Pre-heat oven to 180°C. Fry the chopped carrots in the olive oil until they start to get tender. Add in the onions and cook for a minute or two then add the meat. Season with black pepper and thyme, then cook until browned. Add the butter and peas, then sprinkle with flour and stir. Add the tomato sauce, wine and Worcestershire sauce. Add the stock and let all of it reduce slightly until you have a thick meaty gravy. Season to taste.

Remove from heat. Pour the sauce into an oven proof dish. Then spoon the mashed potatoes over top. If you prefer, sprinkle with Parmesan cheese. Bake for about 20 minutes or until the potato is nicely browned on top.

Serving Tip!

Serve your Shepherd’s Pie with some crusty bread to dip into that tasty sauce!

  Countable and uncountable nouns

Gli ingredienti di questo tipico piatto inglese e irlandese sono la materia ideale per imparare a riconoscere due importanti categorie di sostantivi della lingua inglese: countable and uncountable nouns, ovvero i sostantivi numerabili e non numerabili.

I countable nouns sono quei sostantivi che possono essere preceduti dall’articolo a/an e ammettono la forma plurale. In poche parole, indicano cose che si possono contare. Ad esempio:

a onion – four onions
a carrot – six carrots
a potato – ten potatoes

Al contrario, gli uncountable nouns non ammettono l’articolo a/an nè la forma plurale. Sono sempre usati al singolare, anche quando indicano grandi quantità. In quest’ultimo caso, è necessario sempre usare un’unità di misura (kg, ounces, gr…), un contenitore (a packet, a bottle, a carton, a can, a slice, a loaf…) oppure gli indefiniti some/any. Ad esempio:

two tablespoons of olive oil
a glass of red wine
a cup of stock
½ kg of meat

Come riconoscerli? Purtroppo, c’è poco da fare: vanno imparati a memoria! Pian piano, errore dopo errore! Ma, in generale, la maggior parte dei sostantivi che indicano cibi e bevande sono uncountable, come abbiamo imparato preparando la shepherd’s pie!

Image from www.hippyshopper.com Cheers!